Questo sito usa cookie per una migliore esperienza web. Navigando su questo sito acconsenti ad usare i nostri cookie. Informazioni | Chiudi

recensioni

 
LACICALAGIOCHI
LA LUDOMASTRA IN CICALA


LACICALAGIOCHI
PRENDE FORMA LACICALAGIOCHI


LA CICALA IN MOSTRA
LE CITTĄ INVISIBILI: LIBERE INTERPRETAZIONI DI PAOLA ALBANI


LE SERATE DELLA CICALA
ALBERgO CASIRAGHY: UN CASO DI TOLLERANZA


I LABORATORI DELLA CICALA
FIGLI: MANUALE DI ISTRUZIONI CERCASI


 

 

 

 
L'ALBERO ROSSO
Shaun Tan
Tunué, 2017
libro recensito da: Cicala
Trionfatore nel 2008 al Festival di Angoulême con L'approdo, Shaun Tan torna a far parlare di sé con L'albero rosso. Tunué ripubblica l'opera dell'autore di Perth nella collana Mirari. Picture book in cui le immagini completano la narrazione, il volume sembra voler rapire il lettore con il tratto essenziale e le nuance tenui. In un'epoca dove la frenesia consuma l'essenza, dove i cuori sono più simili a lampadine che a organi votati ai sentimenti, Tan ricerca la meraviglia nelle piccole cose, in un albero rosso in mezzo a una stanza. 

Distante, malinconico e autunnale è L'albero rosso di Shaun Tan. Una piccola ragazza passeggia per un mondo inesistente: a volte all'ombra di un pesce enorme e a volte per valli desolate poco prima del tramonto. L'albero rosso parla a tutti quelli che si sono sentiti soli, infelici o persi. Se con La cosa smarrita Shaun Tan sembra voler conservare la meraviglia di chi guarda, qui cerca di confortare il lettore e di racchiudere il mondo in un istante sorprendente, come l'istante in cui un piccolo albero rosso cresce nel mezzo della propria stanza. Dove non arrivano le parole arrivano le illustrazioni. Il tratto dettagliato ed evocativo riesce a catturare quel sentimento sommerso di confusione e smarrimento. È un libro malinconico, ma non triste. Dolce per i momenti luminosi e salvifico per quelli difficili.

Shaun Tan. Cresciuto nella periferia nord di Perth, Australia Occidentale. Dopo la laurea in Belle Arti e Letteratura inglese, ha cominciato la sua carriera curando i disegni in romanzi di fantascienza e in libri dell'orrore per ragazzi, facendosi da subito riconoscere per la grande vena immaginifica e surreale dei suoi soggetti. Grande riscontro internazionale ha avuto l'illustrato senza parole L'approdo, trionfatore al festival di Angoulême come miglior libro nel 2008. Altre opere di successo sono The Rabbits, The Red Tree, Tales from Outer Suburbia, Rules of summer. Ha collaborato come concept artist alla realizzazione di film di animazione, tra cui Wall-E della Pixar. Lavora come autore e disegnatore a Melbourne.

Età di lettura consigliata: 8+

(recensione a cura di Valentina Andrea Sala tratta da sito Fantasy Magazine)

 






[ clicca qui per tornare alla lista delle recensioni ]

 

info@lacicalalibri.it
via Statale 5/L, Merate (23807) - Telefono: 039.9900755 - P.IVA 02728870136

Cookie policy