Questo sito usa cookie per una migliore esperienza web. Navigando su questo sito acconsenti ad usare i nostri cookie. Informazioni | Chiudi

recensioni

 
I LABORATORI DELLA CICALA
FIGLI: MANUALE DI ISTRUZIONI CERCASI


LA CICALA IN MOSTRA
LE CITTÀ INVISIBILI: LIBERE INTERPRETAZIONI DI PAOLA ALBANI


LE SERATE DELLA CICALA
ALBERgO CASIRAGHY: UN CASO DI TOLLERANZA


I LABORATORI DELLA CICALA
LIBERARE LE PAROLE NASCOSTE


LE SERATE DELLA CICALA
VINCERE BARBABLU


 

 

 

 
BIANCO SU NERO
Rubén Gallego
Adelphi, 2004
libro recensito da: reader
E' con grande piacere - e con la speranza che sia solo la prima di una lunga serie - che condividiamo con gli amici della Cicala questa recensione di Elisabetta Cignola.

"Bianco su nero" rappresenta le tracce di un'infanzia e di un'adolescenza vissute in orfanatrofio e, a 18 anni, in un ospizio per disabili, in Unione Sovietica. Dopo, un lungo viaggio, alla ricerca della madre e della propria dimensione di uomo.
Il bianco è il colore dell'infinito della vita negli ospedali, il colore dell'impotenza. Rubén ama il nero, il colore della sua pelle e della sua sedia a rotelle elettrica.
Scrittura schietta ed essenziale, il libro, composto da brevissimi capitoli, non segue una narrazione cronologica. Gli episodi, di carattere autobiografico, sono probabilmente ordinati secondo la temporalità della presa di coscienza dell'autore.
E' il racconto della forza che c'è in ognuno di noi e della certezza che scegliere di essere uomini è veramente difficile, ma possibile.

"Io irregolare in un mondo assolutamente regolare, mi ostino a studiare l'inglese. Lo studio così, tanto per fare, tanto per non impazzire, tanto per non diventare regolare". (R. Gallego)





[ clicca qui per tornare alla lista delle recensioni ]

 

info@lacicalalibri.it
via Statale 5/L, Merate (23807) - Telefono: 039.9900755 - P.IVA 02728870136

Cookie policy