Questo sito usa cookie per una migliore esperienza web. Navigando su questo sito acconsenti ad usare i nostri cookie. Informazioni | Chiudi

recensioni

 
LE SERATE DELLA CICALA
LA FELICITĄ DIPENDE DA NOI


I LABORATORI DELLA CICALA
UNO NESSUNO CENTOMILA


LE SERATE DELLA CICALA
LA FELICITĄ DIPENDE DA NOI


LA CICALA IN MOSTRA
ALLA LUCE DEL CUORE


LE SERATE DELLA CICALA
GUARDARE FUORI PER GUARDARSI DENTRO


 

 

 

 
HABIBA LA MAGICA
Chiara Ingrao
Coccole books, 2014
libro recensito da: Cicala
Habiba la magica vive a Roma, in periferia, come tanti altri immigrati. Ha la pelle scura, i capelli con le treccine, tifa per la Roma e certo non ama i laziali. Habiba è nata in Italia da mamma africana, frequenta scuole italiane, parla romano, si sente molto italiana ma non lo é per via della legge che non la riconosce tale. Sin qui l'identikit della piccola afro-italiana, che un giorno riceve in dono da una strega che sta andando in pensione una scopa magica. La più prodigiosa delle magie che sa compiere è far volare le persone. Ancora più sorprendente è che a un certo punto Habiba impari a volare da sola. Glielo ha suggerito il vento dicendole "chi vuole vola". Così la piccola protagonista scoprirà le bellezze di Roma e risolverà con i suoi amici il giallo di un rapimento. Soprattutto, scoprirà la forza che ciascuno di noi ha e non sa di avere.
A chi chiede all'autrice Chiara Ingrao se la sua sia una storia di immigrazione, di diritti negati, di identità non riconosciute e di integrazioni riuscite (o fallite), si sentirà rispondere di no. O meglio, è questo, ma è soprattutto altro. "Più che sul razzismo, direi che la mia è una fiaba che rivendica il diritto all'immaginazione per tutti e tutte", ha sottolineato l'autrice in una recente intervista. Racconta come sia stata colpita - leggendo un articolo sul New York Times apparso proprio nei giorni in cui usciva il suo libro - dal fatto che solo una piccolissima percentuale di protagonisti della recente letteratura per ragazzi è di colore e come, nella quasi totalità, la loro presenza sia confinata in ruoli di "protesta sociale", lì dove si tratta di raccontare storie di diritti civili o di emarginazione. Con Habiba, invece, Chiara Ingrao vuole compiere un'altra operazione. Associa il racconto dell'immigrazione e dell'integrazione a quello della immaginazione rivendicando anche questo diritto. In fondo, raffigurare un piccolo immigrato o di famiglia di immigrati solo come un individuo che deve conquistare diritti concreti (sia pur fondamentali) e non anche quelli "immateriali" come il diritto al gioco, alla fantasia, al sogno, all'immaginazione è anche questa una forma di razzismo, sembra suggerire il libro.

 
Età di lettura consigliata: dai 9 anni.

(recensione a cura di Vichi De Marchi, tratta dal # 104 della rivista Liber)





[ clicca qui per tornare alla lista delle recensioni ]

 

info@lacicalalibri.it
via Statale 5/L, Merate (23807) - Telefono: 039.9900755 - P.IVA 02728870136

Cookie policy