Questo sito usa cookie per una migliore esperienza web. Navigando su questo sito acconsenti ad usare i nostri cookie. Informazioni | Chiudi

novità

 
LE SERATE DELLA CICALA
AD ALTA VOCE: RAY BRADBURY


I SEMINARI DELLA CICALA
IL MESTIERE DI DAR FORMA AL RACCONTO


I LABORATORI DELLA CICALA
METODO CAVIARDAGE


MAMME&LIBRI
IL NEONATO: QUALI SONO I SUOI BISOGNI?


LA CICALA IN MOSTRA
MOSTRA NOVITÀ EDITORIALI


 

 

 

 
I LABORATORI DELLA CICALA
PROVE DI ARTETERAPIA
Il successo delle tre precedenti edizioni di questo laboratorio che si sono tenute in libreria a settembre, ottobre e novembre 2007 ci ha indotte a riprendere questa esperienza con una nuova edizione per il 2008 (a cui farà seguito un'edizione avanzata per chi ha già frequentato il laboratorio base nel 2007).


lunedì 3, 10 e 17 marzo alle 21
presso la libreria
PROVE DI ARTETERAPIA
laboratorio per adulti
condotto da
CHIARA ORSENIGO

Si può pensare di gettare un ponte pian piano fra il nostro dentro e il nostro fuori … La vita deve uscire, venir fuori come il sudore: la forza dirompente delle nostre immagini interiori, belle o brutte, deve uscire nel reale per diventare un pezzo di realtà in più. (da Disegno e Creatività di M. Milner)

L'Arte Terapia è un’attività espressiva nata negli anni ’40 per contribuire alla riabilitazione dei reduci della Seconda Guerra Mondiale negli Stati Uniti e in Inghilterra. Si tratta di un metodo di cura basato sull’espressione personale e la creazione artistica che parte dal principio che in ogni individuo, pur in situazione di disagio fisico, psicologico e/o sociale, permangano intatte delle zone capaci di entrare in una dinamica di creazione. E’ l’attivazione di questa forza vitale, presente in ogni individuo, che permette il rinnovamento e la trasformazione. Il lavoro creativo con diversi materiali (matite colorate, tempere, pastelli, carte, stoffe …) diventa supporto per la cura, la ricostruzione, lo scambio e la crescita. Indipendentemente da situazioni di particolare disagio, l’Arte Terapia è indicata per tutti coloro che desiderano dare forma alle proprie immagini interiori, positive o negative che siano, e l’obiettivo di questo ciclo di incontri è proprio di offrirne un assaggio per potersi sperimentare attraverso i materiali artistici: un incontro con il proprio mondo interiore.

Chiara Orsenigo ha concluso la sua formazione quadriennale in Arte Terapia presso ART THERAPY ITALIANA (www.arttherapyit.org), programma di studi convenzionato con l’Univertà di Bologna, dipartimento di Psicologia, e ha maturato diverse esperienze sul campo tanto in ambito scolastico quanto in collaborazione con l’ASL e l’Azienda Ospedaliera di Lecco.

I LABORATORI INIZIANO ALLE 21 E HANNO UNA DURATA DI CIRCA 2 ORE. E’ PREVISTA LA PARTECIPAZIONE DI MASSIMO 8 PERSONE E LA QUOTA DI ISCRIZIONE PER I TRE INCONTRI E’ DI 60 EURO. E’ NECESSARIO PRENOTARE ENTRO IL 25 FEBBRAIO. IL COSTO DEI LABORATORI INCLUDE I MATERIALI. E’ RACCOMANDATO UN ABBIGLIAMENTO COMODO E ‘SPORCHEVOLE’.
 
I SABATI BILINGUE
STORY TIME FOR LITTLE ONES

sabato 23 febbraio alle 16
presso la libreria è di nuovo tempo di
STORY TIME FOR LITTLE ONES

Oggetto della lettura animata a cura di Susan Marshall e Stefania Riglietti saranno questa volta le avventure di Horrid Henry (Rico la Peste) di Francesca Simon.

Le letture sono rivolte a bambine e bambini dai 5 agli 8 anni (come sempre con una certa elasticità) ed è decisamente consigliata la prenotazione allo 039/9900755 oppure via mail all’indirizzo info@lacicalalibri.it.
 
I MARTEDI' DELLA CICALA
QUANDO IL NONNO DIVENTA BAMBINO
martedì 19 febbraio alle 21
presso la libreria
QUANDO IL NONNO DIVENTA BAMBINO
la malattia di Alzheimer


"Quanto vorrei tornare bambino: senza preoccupazioni e con qualcuno che si prende cura di me! Vorrei vedere il mondo con lo stupore della prima volta, come se ogni giorno fosse sempre nuovo e tutto da scoprire."

E' solo un desiderio da adulto logorato dalla vita quotidiana o può diventare realtà? E se domani al risveglio non sapessi come allacciarmi le stringhe, come la prima volta 60 anni fa? E se ogni giorno incontrassi una ragazza sconosciuta che mi chiama mamma? Perché tutte le persone a cui dico la mia età ridono? Perché degli estranei continuano a chiedermi come sto, quando io non sono mai stato meglio?

Quando un desiderio composto di frasi fatte e luoghi comuni diviene malattia di Alzheimer: ... quando il nonno diventa bambino. Esistono delle somiglianze tra la vita di un malato di Alzheimer e l'infanzia? Quanto è accettato che un genitore si trasformi in figlio e viceversa? E' possibile prendersi cura di un anziano demente come di un figlio da accudire? La memoria del figlio è un limite o un vantaggio per un genitore senza memoria? E chi è bambino (o ragazzino) come vive questa trasformazione di una persona anziana a lui cara?

Ne parliamo con due persone che di malati di Alzheimer si occupano professionalmente tutti i giorni: il medico Andrea Millul e la psicologa Anna Zardi.



 pagine: <<  |  <  | 171 | 172 | 173 | 174 | 175 | 176 | 177 | 178 | 179 | 180 |  >  |  >>


info@lacicalalibri.it
via Statale 5/L, Merate (23807) - Telefono: 039.9900755 - P.IVA 02728870136

Cookie policy