Questo sito usa cookie per una migliore esperienza web. Navigando su questo sito acconsenti ad usare i nostri cookie. Informazioni | Chiudi

novità

 
LE SERATE DELLA CICALA
MALAWI: COSI' LONTANO ... COSI' VICINO?


LA CICALA IN MOSTRA
ILLUSTRANNA


I FUORIPROGRAMMA
PICCOLI EDITORI PER PICCOLI LETTORI


LE SERATE DELLA CICALA
LA FELICITÀ DIPENDE DA NOI


I LABORATORI DELLA CICALA
UNO NESSUNO CENTOMILA


 

 

 

 
SPECIALE SCUOLA
IL KIT DEL BRAVO SUPPLENTE
lunedì 20 novembre alle 17
presso la libreria
CARLO CARZAN
presenta il suo libro
IL KIT DEL BRAVO SUPPLENTE
giochi di logica, di parola e socialità per le ore di supplenza

Mattina a scuola. Manca un collega e voi avete un'ora libera a disposizione. Cercate di sfuggire, vi nascondete, vi mimetizzate come un camaleonte tra i registri di classe, ma ecco che inesorabile arriva l'ordine di servizio: una magica, eccezionale supplenza!
Situazioni del genere capitano spesso. E ci si può trovare in difficoltà perchè lavorare con un gruppo di ragazzi che non si conosce non è semplice, non è certo la situazione che i docenti amano di più, anzi.
Tuttavia, le supplenze - a differenza del male di sant'Agostino - esistono e la sola possibilità che abbiamo per riqualificare "l'ora buca" è far sì che non sia solo un modo per far trascorrere il tempo. Ma cosa fare per coinvolgere i ragazzi? Giocare!
Giocare è una strategia intelligente, perchè significa attenzione, partecipazione attiva e coinvolgimento, e se si riesce in questo intento, la gestione della classe durante l'ora di supplenza risulta semplificata, e da semplice riempitivo del tempo scolastico può trasformarsi in qualcosa di utile.
Per ottenere questo risultato, il docente diventa un facilitatore di giochi, anzi è proprio lui a proporre giochi nuovi che possano stimolare i ragazzi. La sua è una forma di ribellione verso un'istituzione che tollera che una parte del suo tempo possa andare sprecato. L'idea di questo libro è proprio quella di supportare questa sorta di rivolta morale, offrendo ai docenti proposte, materiali e schede che, per essere giocate, hanno solo bisogno di fotocopie, carta, gomma e matita.

Carlo Carzan, nato a Palermo nel 1967, ha passato la sua infanzia giocando e in realtà non ha mai smesso. Ha dato vita a "Così per Gioco" la prima ludoteca palermitana per ragazzi. Scrive storie, giochi, si occupa di formazione per docenti e operatori ludici, di laboratori con i bambini, di animazione alla lettura. Lui si ritiene un "Ludomastro", ma se gli si chiede che lavoro svolge, fa parlare la sua piccola Chiara, che risponde: "il mio papà insegna ai grandi come si gioca con i bambini".
 
I SABATI BILINGUE
STORY TIME FOR LITTLE ONES
Letture in inglese e italiano per bimbi dai 3 ai 5 anni in compagnia delle loro mamme. Leggeremo We are going on a bear hunt/A caccia dell'orso, Guess how much I love you/Indovina quanto bene ti voglio e Where the wild things are/Nel paese dei mostri selvaggi.
L'incontro si tiene presso la libreria, inizia alle 16 e dura circa un'ora. E' necessario prenotare telefonando allo 039/9900755 oppure scrivendo a info@lacicalalibri.it.
 
I GIOVEDI DELLA CICALA
VIVO O SOPRAVVIVO?
giovedì 16 novembre alle 21
presso la libreria
LAURA CAMPANELLO
affronta con il pubblico il tema
VIVO O SOPRAVVIVO?
L'ESERCIZIO DEL TEMPO PRESENTE TRA FILOSOFIA E AUTOBIOGRAFIA


“Nulla tanto sfugge al controllo dell’uomo impegnato quanto il vivere; davvero non c’è realtà che sia più difficile da conoscere. […] l’arte di vivere si deve continuare a impararla tutta la vita, anzi, e questo forse ti stupirà di più, per tutta la vita si deve imparare a morire” Seneca

Questa serata vuole offrire la possibilità di uno sguardo sulla vita a partire dalle domande che spesso ci si pone: Sono felice? Questa è la vita che sognavo? Cos’è la felicità? Cos’è il dolore? Cos’è il destino? Cos’è la morte (come limite, separazione, rinuncia…)? Come vivere un lutto insieme ai bambini? E la malattia? Pensare alla morte aiuta a vivere o blocca la vita? E come mai Tiziano Terzani “rischia” di diventare il Guru occidentale del 2000?
Inevitabilmente tentare di rispondere a questi interrogativi avvia un processo che porta alla domanda generale sul senso e sul senso del vivere e del morire che spesso ci lascia spaesati, senza risposte.
Il libro che servirà da spunto per la chiacchierata (Non ci lasceremo mai? L’esercizio filosofico della morte tra autobiografia e filosofia, Unicopli) offre un tentativo personale, autobiografico ma condivisibile con altri che allo stesso modo si interrogano, nella direzione della cura di sé, della consapevolezza, della autenticità, del confronto con il limite, per comprendere come si sta al mondo accettando l’invito di Socrate a vivere una vita“degna di essere vissuta”, interrogando se stessi e la propria esistenza, cercando un senso e imprimendo una direzione al proprio condursi.



 pagine: <<  |  <  | 161 | 162 | 163 | 164 | 165 |


info@lacicalalibri.it
via Statale 5/L, Merate (23807) - Telefono: 039.9900755 - P.IVA 02728870136

Cookie policy